Il Grande inganno dello Zucchero

Uno studio pilota sull’utilizzo di Elipse™: il primo palloncino endogastrico senza procedure invasive
4 Marzo 2017
Oltre l’obesità e il sovrappeso, per una vita di qualità. Benefici della Terapia LSA® sulla sindrome metabolica
6 Marzo 2017

FD002798

Bianco, brillante, bello… ed estremamente dolce: lo Zucchero!

Per tutti noi: dai bambini fino agli anziani.

É ovviamente lo zucchero: forse, accanto al cioccolato, in assoluto la tentazione più diffusa e temuta da chi soffre le costrizioni di un regime di dieta.

Ma è veramente da evitare? O basta diminuire? O in realtà è solo uno dei tanti piaceri che qualche infausta coincidenza vuole negarci?

In fondo cosa ci può essere di così grave nel mangiare un po’ di alimenti dolci durante la giornata?

Tutti ne andiamo alla ricerca, i bambini in special modo: sotto forma di biscotti, merendine, dolciumi, bevande e persino succhi di frutta in apparenza naturali.

Allora è il caso di fare chiarezza.

Lo zucchero è dannoso? Fa ingrassare? Andrebbe eliminato del tutto?

Le risposte a queste domande sono:

si, si, e ancora si.

Si, perché danneggia il nostro organismo: è la principale causa di fattori legati alle patologie della sindrome metabolica (diabete, infarto, cancro,…).

Si, perché si appiccica letteralmente a proteine e lipidi che entrano nel nostro corpo per alimentarlo, danneggiandoli (Glicazione). Ciò porta ad un elevato livello di insulina che deve essere immesso nel corpo, il quale comunica al nostro cervello che è in corso una sorta di “abbuffata”; ma lo zucchero e i suoi derivati si assorbono rapidamente, creando uno squilibrio endocrino dei centri di sazietà e lasciando spazio presto ad una nuova viscerale ricerca di altro zucchero…

Inoltre, la glicazione stimola la produzione di radicali liberi, che danneggiano le cellule e producono stress ossidativo.

Insomma… niente di buono all’orizzonte per il grande “veleno bianco”. Una sorta di grande inganno ci è stato raccontato da sempre.

Cosa fare quindi?

3 semplici consigli:

1. Eliminarlo più possibile dall’alimentazione quotidiana.

2. Sostituire tutti i carboidrati raffinati con il loro pari integrale (il glucosio contenuto in essi è di assorbimento meno rapido perché più ricco di fibre e vitamine, e quindi stimola di più la sazietà e meno la dipendenza).

3. Se qualcosa di dolce dobbiamo mangiare, meglio farlo in ore mattutine, quando il metabolismo è più accelerato, o vicino all’attività sportiva per favorire il lavoro dei muscoli.

Infine, comunque, il buon senso vinca sempre:

mangiamone poco, magari per le occasioni più particolari, e preferiamo sempre qualcosa di naturale o fatto in casa piuttosto che i prodotti iper-industriali con doppio o triplo strato di confezionamento!

Buon appetito a tutti! 😉

Michele Rosa

Scarica Gratis l'Ebook "I tre ingredienti per dimagrire con il metodo Micros"

Grazie!